Coltivazione di soia biologica

Soia biologica dal cuore dell'Europa

Perché sosteniamo la coltivazione regionale della soia e cosa facciamo per riuscirci

Taifun impiega esclusivamente soia da agricoltura biologica non geneticamente modificata. Già nel 1996 questa scelta ci ha posto di fronte a un serio problema: con l'affermarsi della cosiddetta "ingegneria genetica verde", in America si stava iniziando a utilizzare sementi di soia geneticamente modificate. In considerazione di questa tendenza, come avremmo potuto garantire anche in futuro il nostro approvvigionamento di materia prima non OGM? Era chiaro che reperire soia per tofu non geneticamente modificata sarebbe stato sempre più difficile. La soia biologica di origine statunitense che avevamo acquistato fino a quel momento sarebbe divenuta via via inutilizzabile a causa dell'onnipresente rischio di contaminazione.

Come tutto è cominciato
Sapevamo fin dall'inizio che l'alta valle del Reno offre condizioni ideali per la coltivazione della soia, che predilige un clima mite. Nel 1997 abbiamo convinto alcuni agricoltori biologici della nostra regione a tentare un esperimento. Otto aziende hanno quindi seminato la soia su una superficie totale di 40 ettari. Dopo un anno, il bilancio era ancora alquanto incerto: i campi erano invasi dalle erbe infestanti e il contenuto di proteine della soia non era molto elevato. La qualità del tofu, però, era soddisfacente e quindi abbiamo deciso di proseguire nel progetto.

Il nostro impegno dà buoni frutti
Ormai riusciamo a coltivare un'eccellente soia per tofu, con un tenore proteico particolarmente elevato, non soltanto nell'alta valle del Reno, ma anche in altre regioni tedesche (Palatinato e valle della Saale), in Austria (Carnuntum) e in Francia (Alsazia e Giura). 
In tutta l'Europa centrale, lungo il 48° parallelo, gli agricoltori che coltivano la nostra soia sono ormai 75, per una superficie complessiva di 1300 ettari. Possiamo quindi garantire che il 100% dei fagioli di soia che utilizziamo siano di origine europea. La varietà di imprese agricole che collaborano con noi ci riempie di orgoglio.

Questi brillanti frutti del nostro impegno sono stati dovuti principalmente a due elementi: il nostro rapporto di collaborazione paritaria con i produttori e il coerente sviluppo di qualità di soia specifiche per la produzione del tofu. Entrambi gli aspetti vengono curati attualmente da un nostro proprio istituto per la coltivazione e lo sviluppo della soia, il "Landwirtschaftliches Zentrum für Sojaanbau und Entwicklung (LZ Soja)".